Le linee guida del ministero della salute e della SINU consigliano di consumare il pesce almeno 3 volte alla settimana in sostituzione della carne e degli insaccati. Il pesce è infatti ricco di sostanze nutritive come acidi grassi essenziali, proteine di ottimo valore biologico (simili a quelle della carne per quanto riguarda il contenuto amminoacidico) e vitamina D, indispensabile per la salute delle ossa.



Oggi vi proponiamo un secondo di pesce adatto sia a grandi e piccoli: la sogliola alla mugnaia rivisitata. La rivisitazione consiste semplicemente nel sostituire il burro (solitamente la cottura alla mugnaia prevede abbondante burro) con un un cucchiaio e mezzo di olio extravergine di oliva.

La sogliola alla mugnaia è un secondo piatto di pesce, dalle origini francesi, da tempo considerato un classico della cucina italiana, che consiste nell’infarinatura e nella successiva rosolatura in padella.

Il risultato è molto gustoso ed è davvero rapido sia nella preparazione che nella cottura.

Ingredienti per una persona

  • 1 sogliola grande
  • 1 cucchiaio e mezzo di olio evo
  • Mezzo limone
  • Farina
  • Latte
  • Sale
  • Prezzemolo

Procedimento

Acquistate la sogliola già eviscerata e spellata, lavatela sotto acqua corrente, salate e mettetela a bagno in poco latte. Dopo passatela nella farina scuotendo quella in eccesso.

Tritate il prezzemolo e spremete il succo di limone in una tazzina.

Mettete l’olio nella padella, accendete il fuoco e appena l’olio sarà caldo adagiate la sogliola.

Alzate la fiamma e sfumate con il succo di limone. Volendo potete aggiungere un paio di cucchiai del latte dove era stata immersa la sogliola inizialmente. Abbassate la fiamma e portate a cottura.



Ci vorranno circa 5 minuti al massimo e comunque fino al restringimento del sughino. Ovviamente il tempo di cottura dipende dalla grandezza della sogliola.

Impiattate cospargendo con del prezzemolo fresco. Buon appetito!

Condividi con: