Quando si è a dieta, la ricotta è il primo formaggio magro a cui pensiamo, vero? Scopriamo le proprietà nutrizionali della ricotta e chi può consumarla.

Ricotta, che cos’è?

Innanzitutto bisogna specificare che la ricotta non è un formaggio, ma è un latticino. Per la sua produzione infatti non vengono utilizzate le proteine del latte ma il siero ottenuto durante il processo di caseificazione.

Durante il riscaldamento del siero (che può essere di bufala, pecora, capra o vacca) le sieroproteine coagulano e formano i caratteristici “fiocchi”.

In generale è un alimento fresco, abbastanza magro, molto digeribile per cui si adatta anche alle diete dimagranti.

Ricotta, valori nutrizionali

Calorie 174
Grassi 13 g
Acidi grassi saturi 8 g
Acidi grassi polinsaturi 0,4 g
Acidi grassi monoinsaturi 3,6 g
Colesterolo 51 mg
Sodio 84 mg
Potassio 105 mg
Carboidrati 3 g
Fibra alimentare 0 g
Zucchero 0,3 g
Proteine 11 g

 

Vitamina A 445 IU Vitamina C 0 mg
Calcio 207 mg Ferro 0,4 mg
Vitamina D 10 IU Vitamina B6 0 mg
Vitamina B12 0,3 µg Magnesio 11 mg

 

Ricotta proprietà e benefici

Le caratteristiche principali di quest’alimento sono: basso apporto di grassi, alto apporto di calcio e alta digeribilità. Quelle di vacca, pecora e bufala differiscono, oltre per il sapore, per il contenuto di grassi, proteine e calcio. La ricotta di bufala è la più grassa in assoluto, la ricotta di pecora risulta più grassa rispetto a quella di mucca.
Inoltre, in base alla preparazione che si sceglie per produrla, può cambiare anche la percentuale di grassi contenuta. Questo perché al siero di partenza si può aggiungere latte puro oppure panna in modo da ottenere un prodotto più appetibile e cremoso. Il contenuto di grassi varierà da un 5 % ad un 15 %. Leggere sempre le etichette è importante per acquistare un prodotto derivante esclusivamente dal siero del latte.

La ricotta apporta proteine, non molte rispetto ad altri derivati animali, ma pur sempre di alta qualità.
Anzi, rispetto agli altri formaggi e addirittura rispetto alla carne, è migliore come contenuto proteico grazie alla presenza di aminoacidi essenziali, che non possiamo produrre nel nostro organismo ma dobbiamo introdurli con la dieta. La ricotta è, tra i latticini, il migliore in quanto è ricca di sieroproteine (che hanno un valore biologico superiore a 90) anziché caseine.

Tra i vari micronutrienti, la ricotta, come gli altri latticini e formaggi, ha un alto contenuto di calcio, fondamentale per la salute delle ossa e nei bambini per una corretta crescita e un corretto sviluppo di ossa e denti.

Ricotta nella dieta del vegetariano

La ricotta è un alimento ottimo perché un vegetariano può assumere i derivati animali, quindi formaggi e uova. Anzi, questi prodotti sono quelli che contribuiscono insieme ai legumi a raggiungere il fabbisogno giornaliero di proteine e calcio.
Deve essere consumata con regolarità perché fonte di Vit. D e Vit. B12, solitamente carenti nelle diete basate prevalentemente su alimenti vegetali.

Ricotta controindicazioni

La ricotta essendo un formaggio fresco ha un alto contenuto di lattosio per cui, a differenza di formaggi molto stagionati come il parmigiano, non è adatta a diete per soggetti intolleranti al lattosio.

Condividi con: