Nei diversi dialetti pugliesi, soprattutto nella provincia di Lecce, il purè di fave con le cicorie è conosciuto come “fae e fogghie”.

Purè di fave e cicorie, ecco la ricetta originale

Le fave sono un alimento molto nutriente perché sono ricchissime di fibre, di proteine e di sali minerali tra cui spicca la presenza del ferro (leggi il nostro articolo sul ferro).

Il purè di fave è un piatto pugliese realizzato con ingredienti “poveri” che fa parte della tradizione contadina. Questa ricetta viene tramandata da generazione in generazione e i due ingredienti principali sono le fave secche, fatte cuocere a lungo a fuoco basso, e le cicorie selvatiche.



Chi non ama il sapore amaro può sostituire le cicorie con bietole o spinaci. Vediamo quali sono gli ingredienti necessari per preparare questo fantastico piatto

Ingredienti per 4 persone:

  • 300g fave secche decorticate
  • Acqua
  • 1 carota
  • 1 patata
  • 1 gambo di sedano
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 cipolla
  • Qualche foglia di alloro
  • 600g di cicorie selvatiche oppure di erbette miste (biete, spinaci, cicorie)
  • Sale
  • Olio extravergine di oliva
  • Peperoncino per impiattare
Purè di fave

Purè di fave con erbette

Preparazione del purè di fave:

Mettete le fave ammollo per tutta la notte. La mattina dopo sciacquatele bene sotto l’acqua e mettetele in una pentola piena d’acqua.

Unite la cipolla tritata, due spicchi di aglio, l’alloro, la carota, la patata, il sedano. Fate cuocere con il coperchio a fuoco basso per un’oretta e girate ogni tanto (se manca acqua, aggiungete dell’altra acqua bollente).

Quando le fave sono quasi cotte aggiungete un filo d’olio e il sale. Con il frullatore ad immersione frullate il tutto.


Per il purè di fave con cicorie

Lessate le cicorie in abbondante acqua salata insieme ad una foglia di alloro.

Impiattate aggiungendo le cicorie, ancora calde, sul purè di fave. Accompagnate il piatto con del pane di grano duro e, se vi piace, potete aggiungere del peperoncino.

Per il purè di fave con verdure miste

In una padella mettete due cucchiai di olio e due spicchi di aglio. Unite il misto di erbette, il sale e cuocete per cinque sei minuti.

Quando tutto è pronto trasferite nei piatti insieme al purè di fave e condite con del peperoncino fresco.

Come conservare il purè di fave?

Il purè di fave può essere conservato in frigorifero anche per quattro giorni. Se ne avete preparato in abbondanza potete surgelarlo dividendolo in monoporzioni.

Condividi con: