Appena sentiamo parlare di pesto ci viene subito in mente la Liguria, la regione in cui nacque questa fantastica salsa.
Il pesto alla genovese è una delle salse più conosciute in tutto il mondo ed è uno dei condimenti che amo di più perché può essere aggiunto in tantissime ricette diverse. Quanti di non coltivano sul balcone piantine di basilico? Quale scusa migliore per preparare il pesto e congelarlo?



Il pesto di basilico può infatti essere utilizzato in tantissimi modi:

  • Spalmato sui crostini di pane per un antipasto sfizioso
  • Nei sughi di verdure
  • Per condire pasta, pesce, carne e perfino le verdure grigliate.

Per seguire la tradizione genovese dovremmo “pestare” il basilico con un mortaio, ma per questioni di tempo e di comodità possiamo utilizzare un semplice frullatore: il risultato sarà comunque ottimo.

Vediamo gli ingredienti che ci servono e il procedimento

Ingredienti

  • 100g di basilico fresco
  • Olio extravergine di oliva (scopri tutte le sue proprietà)
  • 10g di pinoli
  • 30g di pecorino o di parmigiano in base ai vostri gusti
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 pizzico scarso di sale

In base alla quantità di basilico che avete fate la proporzione per regolarvi con le quantità degli altri ingredienti.

Procedimento

Frullate nel boccale del frullatore ad immersione tutti gli ingredienti aggiungendo l’olio extravergine di oliva a filo. Regolate la quantità di olio in base ai vostri gusti.

Dopo aver frullato gli ingredienti mettete il pesto ottenuto in dei barattolini di vetro coprendolo con dell’altro olio extravergine. L’olio è indispensabile affinché si conservi perfettamente in frigo, perché impedisce all’aria di entrare in contatto con il pesto. Se lo conservate in frigorifero consumatelo entro massimo 3-4 giorni.



Se avete a disposizione un gran quantità di basilico potete congelarlo ed utilizzarlo per tutto l’inverno.

Cosa preparare con questo pesto? Una fantastica pasta con i pomodorini!

Farfalle al pesto e pomodorini

Condividi con: