Congelare la frutta, il pesce o la verdura è un ottimo metodo per conservare gli alimenti perché è molto rapido e comodo. Tramite la congelazione è infatti possibile conservare i cibi per tempi lunghi e consumare le verdure anche fuori stagione.

Che cos’è la congelazione?

Già da millenni l’uomo prova a conservare gli alimenti per farli durare più a lungo.
Le tecniche di conservazione sono tante:

  • Salatura (detta anche salagione).
  • Affumicatura.
  • Cottura.
  • Essiccatura.

Tutte queste tecniche sono ovviamente ottime, ma hanno un problema: modificano gli alimenti dal punto di visto del peso, dell’aspetto e del sapore. Ma la cosa più grave è che provocano una perdita degli elementi nutritivi, soprattutto di vitamine e sali minerali.

Questi problemi non si trovano nella congelazione a bassa temperatura, che avviene a temperature che vanno dai -18° ai -25°C. Con la congelazione è come se gli alimenti venissero ibernati: quando vengono scongelati mantengono quasi tutte le caratteristiche organolettiche e visive che avevano in precedenza.

Perché è utile congelare?

Congelare può essere molto utile perché:

    • Ci permette di mangiare le verdure anche fuori stagione: è conveniente congelare i prodotti che sono disponibili soltanto in determinati periodi per consumarli quando ne abbiamo voglia, come ad esempio verdure pregiate o frutti rossi come more e lamponi. Se, ad esempio, siete amanti dei broccoli, congelateli durante l’inverno e potrete gustarli anche in estate. Le verdure possono essere congelate sia crude che leggermente sbollentate.
    • Si possono sfruttare le offerte: molto spesso acquistare grandi quantità di un prodotto ci permette di abbattere il prezzo, soprattutto se si fa parte di gruppi solidali d’acquisto o se si acquista online. Non abbiate più paura di acquistare qualche kilo in più della vostra verdura preferita perché per evitare il deperimento potete congelarla in piccole porzioni
    • Riduce gli sprechi alimentari: molto spesso si tende a gettare nella spazzatura gli avanzi di quello che abbiamo cucinato. Se sono rimasti dei legumi, delle verdure o anche delle torte salate, potete congelarle e utilizzarle quando non avete niente di pronto a casa..basterà semplicemente scongelarle in padella o al forno.



Cosa si può congelare?

Si possono congelare praticamente tutti i tipi di alimenti, compresi gli alimenti già cotti. Possiamo surgelare: spinaci, bietole, rape, cavoli, broccoli, zucca, asparagi ecc. sia sbollentati che crudi.

Non tutti gli alimenti, ovviamente, possono essere conservati per molti mesi: mentre le verdure si mantengono in modo ottimale anche per 5-6 mesi per le carni e per il pesce è consigliabile non superare i 3 mesi.

Se un prodotto è stato congelato e poi decongelato, non è assolutamente possibile congelarlo un’altra volta.

Come congelare in modo ottimale?

Per una congelazione ottimale dei prodotti bisogna mantenerli nel congelatore, preventivamente regolato al massimo del freddo, per almeno 24 ore. E’ importante ricordarsi che non bisogna mai congelare in una sola volta una quantità di prodotti che superi il 10% della capacità del congelatore.

Il confezionamento degli alimenti da congelare

I prodotti da conservare vanno preparati, di norma, in modo da trovarli all’atto del consumo già pronti per l’utilizzo immediato.

Per questo motivo bisogna eliminare tutti i prodotti di scarto: se dobbiamo surgelare dei broccoli o il cavolfiore non è conveniente conservare anche il gambo.

Prima di congelare bisogna lavare per bene il prodotto e asciugarlo. Per congelare il materiale migliore sono le buste che troviamo in tutti i supermercati, che ci permettono di dividere i cibi in porzioni monouso.


Come decongelare

  • Prodotti da consumare crudi: la decongelazione può essere fatta ponendo il prodotto nel frigorifero. La decongelazione nel frigorifero evita che la parte esterna del prodotto si scongeli prima della parte interna.
  • Prodotti da consumare cotti: non è necessaria né la decongelazione in frigorifero né a temperatura ambiente. Possono essere messi direttamente in padella.
Condividi con: