In questi primi giorni dell’anno la temperatura è calata a picco ed è la pelle a farne le conseguenze più immediate!

In questi casi più che mai la parola chiave è idratazione, così difficile da mantenere quando la colonnina di mercurio scende sotto lo zero.

Negli anni ho messo a punto alcuni trucchetti per mantenere l’idratazione della mia pelle anche nelle condizioni più estreme e oggi voglio condividerli con voi, nella speranza di darvi qualche utile suggerimento per evitare screpolature e geloni.

Anche se idratarsi da dentro, assumendo una quantità di acqua adeguata, è la prima buona regola in tutte le situazioni, nei casi di freddo così forte anche il cosmetico può aiutarci nell’impresa di mantenere la nostra pelle morbida e protetta.

Sono molti i prodotti e le ricette naturali, preferibili a quelle a base di petrolati non solo perché più etiche ma anche perché più efficaci.
Mentre la paraffina ha una funzione umettante meramente superficiale, gli oli naturali riescono a penetrare più in profondità assicurando un reale effetto nutritivo della pelle.

Idratazione in inverno: l’olio di argan è un nostro alleato!

Quando la pelle è molto secca e tira, niente più di un olio può aiutarla a trovare sollievo e benessere.
In questo periodo dell’anno io prediligo quello di argan.
È un olio vegetale prodotto in Marocco dalle proprietà fortemente idratanti ed emollienti, speciale per riparare la pelle danneggiata e prevenire l’impoverimento della sua barriera protettiva.

Un altro olio straordinario è quello di mandorle, usato anche per prevenire le smagliature e dalla potente azione nutritiva.

I migliori da scegliere sono quelli completamente bio, privi di profumo e sostanze coloranti.
Come accorgersi se l’olio che stiamo acquistando è realmente puro? Un primo indizio importante ci arriva, come sempre, dalla lista ingredienti, che per questo tipo di prodotti deve essere il più corta possibile.
Questi oli vegetali hanno un colore molto tenue, non hanno profumo e, soprattutto, sono adatti anche ad essere usati come condimenti alimentari.
Il canale migliore di acquisto sono, quindi, le erboristerie o i siti specializzati on line.

Come aggirare l’effetto untuoso dell’olio?

Lo abbiamo detto, l’olio aiuta l’idratazione della pelle a restare ottimale.
Tuttavia per loro natura sono prodotti untuosi, che spesso vengono visti con diffidenza proprio per questi motivi.

Quando è molto freddo, ho escogitato qualche trucchetto per applicare con generosità i miei oli preferiti senza rischiare di macchiare tutto quello che tocco!

Se decido di massaggiarli sulle gambe, infatti, ho cura di mettere subito dopo una calzamaglia in lana, di quelle leggere usate sotto le tute da sci.
In questo modo non solo proteggerò le mie gambe dal freddo ma aiuterò l’olio ad agire in modo più efficace.
La sera quando tolgo la calzamaglia, la pelle delle mie gambe è vellutata e morbida, senza arrossamenti o irritazioni.

E sulle mani?

Se sulle gambe può sembrare facile, perché tutto sommato al massimo basta mettere i pantaloni, le mani sono sicuramente più esposte.

Come fare?

In questo caso il suggerimento è quello di usare dei guanti in materiale tecnico, aderenti, poco ingombranti e con i polpastrelli in tessuto hi-tech per continuare ad usare i propri dispositivi touch screen!

Mani protette e idratate anche contro i dolorosi geloni!

Idratazione, l’arma in più.

Quando anche questi rimedi non bastano, la lanolina può essere una valida soluzione protettiva!
È una cera prodotta in modo naturale dalla pecora in fase di tosatura ed ha uno straordinario potere restitutivo e protettivo per la nostra pelle.
Una volta applicata, infatti, la lanolina crea un film barriera che impedisce agli agenti atmosferici di aggredire la zona dove è stata massaggiata, aiutando il tessuto nel suo processo di rigenerazione naturale.

Quali sono i vostri metodi per proteggere la pelle dal freddo invernale? Utilizzate anche voi degli oli cosmetici?

Aspettiamo di leggere i vostri commenti, a presto!

Condividi con: