Il 30% della popolazione femminile italiana deve far fronte ad un disturbo dovuto principalmente ad un cattivo stile di vita: la ritenzione idrica. Questo problema è più conosciuto come cellulite e per eliminarla spesso si usano degli olii o delle creme, dimenticando che l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale e può aiutarci a risolvere questo fastidioso disturbo.

Leggi il nostro articolo sull’olio anti cellulite delle Cien

Cos’è la ritenzione idrica e la cellulite?

La ritenzione idrica è la tendenza ad accumulare liquidi a livello di addome, glutei e cosce, ossia le zone più predisposte all’accumulo della massa grassa. Essa è strettamente correlata con la cellulite che provoca un ingrossamento delle cellule (ipertrofia) con accumulo di liquidi, tossine e soprattutto grassi negli spazi presenti tra una cellula e l’altra. La cellulite si manifesta con il famoso aspetto bucherellato a buccia d’arancia.



L’accumulo e il ristagno dei liquidi in questi distretti del corpo sono dovuti ad una cattiva circolazione venosa e linfatica che portano ad un ristagno delle tossine che, anziché essere eliminate, provocano un’alterazione del metabolismo cellulare.

Il fatto che il problema riguarda principalmente le donne è legato agli ormoni, soprattutto gli estrogeni, che rappresentano una delle cause dell’inadeguata circolazione. Proprio per questo nel periodo pre-mestruale la ritenzione idrica si accentua notevolmente, provocando un aumento di acqua nei tessuti.

La cellulite è collegata con il sovrappeso?

Molte donne si reputano sovrappeso perché hanno molta ritenzione idrica, ma purtroppo la verità è che il sovrappeso porta a problemi di ritenzione idrica. L’accumulo di massa grassa predispone alla cattiva circolazione che porta infine all’accumulo di liquidi.

Per combattere la ritenzione idrica bisogna correggere le cause che l’hanno provocata! Più che di dieta dobbiamo parlare di stile di vita. Quindi non solo alimentazione in senso stretto.

Lo stile di vita e l’alimentazione contro la ritenzione idrica

Per dire addio alla ritenzione idrica dobbiamo:

  • eliminare il fumo;
  • ridurre il consumo di alcolici;
  • ridurre il consumo di cibi salati;
  • evitare di eccedere con i farmaci se non sono necessari.

Anche l’uso di abiti stretti e scarpe con tacchi molto alti (per troppe ore al giorno), oppure rimanere in piedi a lungo nella stessa posizione (per esempio chi lavora in laboratorio e si muove poco) sono abitudini che aggravano la ritenzione idrica.

Accanto a queste indicazioni per combattere la cellulite bisogna associare l’attività fisica ad una dieta adeguata.

Sicuramente il movimento in generale è utile nel riattivare la circolazione venosa e linfatica. Quindi che sia una camminata veloce, piuttosto che una corsa o lezioni di aerobica l’importante è fare attività fisica!

Per quanto riguarda l’alimentazione la dieta ideale utile per combattere la ritenzione idrica è quella che si ispira ai principi della dieta mediterranea.

Essa prevede un consumo molto moderato di cibi grassi, lasciando come grasso principale della dieta l’olio extravergine d’oliva. Anche le carni dovranno essere assunte con moderazione, così come i formaggi grassi (specialmente quelli stagionati) e gli insaccati, preferendo il pesce e i legumi come fonti di proteine.

Il consumo di frutta e verdura deve essere elevato, ricordando le famose 5 porzioni al giorno che garantiranno un giusto apporto di fibre ma anche di vitamine. Tra le vitamine è di interesse notevole la vitamina C (agrumi, kiwi, lattuga, broccoli ne sono ricchi) perché essa ha una funzione protettiva nei confronti dei capillari. Dei capillari “sani” costituiranno la base per una buona circolazione sanguigna.



Per combattere la ritenzione idrica fondamentale è l’apporto di acqua: 1,5- 2 litri al giorno è la quantità consigliata. Si può arrivare a questa quantità anche consumando tisane e tè, rigorosamente fatti in casa e senza zuccheri o dolcificanti aggiunti.

Il consumo di sale deve essere molto moderato: il sodio contenuto al suo interno provoca ritenzione idrica. Validi sostituti del sale che possono essere utilizzati per insaporire le nostre pietanze sono le erbe aromatiche e le spezie.

Condividi con: