Con la parola “latte” si intende l’alimento proveniente dalla vacca, diversamente se derivante da altre specie animali deve essere riportato in etichetta (“latte di…”).

Il latte nella nostra alimentazione

Il latte e i suoi derivati, da molto tempo, sono parte integrante dell’alimentazione umana grazie alla presenza di numerosi nutrienti essenziali al nostro organismo. Tuttavia recentemente il consumo di questi prodotti è diminuito, soprattutto nei paesi occidentali, a causa delle affermazioni che evidenziavano eventuali effetti negativi sulla salute dell’uomo.

In realtà il latte, se sano e non contaminato, risulta essere un alimento completo e con effetti positivi sul nostro organismo.

Composizione e valori nutrizionali del latte

Il latte è una miscela complessa di elementi tra cui: proteine, grassi, zuccheri, minerali e vitamine.Vi sono, però, alcuni fattori in grado di influenzarne la composizione e la qualità:

  • La razza, l’età e lo stato di salute dell’animale;
  • Lo stadio di lattazione;
  • Il tipo di alimentazione dell’animale;
  • Il tipo di mungitura;
  • I trattamenti a cui viene sottoposto per il confezionamento e la conservazione.

Valori nutrizionali del latte intero

Calorie            64 Kcal
Acqua              87 g
Proteine          3,3 g
Lipidi               3,6 g
Carboidrati     4,9 g (di cui zuccheri 4,9 g)
Colesterolo     11 mg
Calcio              119 mg
Potassio          150 mg
Fosforo           93 mg
Sodio               50 mg

Inoltre, sono presenti vitamine sia liposolubili (vitamine D, A, E) sia idrosolubili (vitamine del gruppo B e Vitamina C). Lo zucchero presente nel latte è il lattosio, uno zucchero semplice composto da glucosio e galattosio. Questo zucchero può causare diversi problemi a chi è intollerante al lattosio, ovvero chi non possiede o possiede in minime quantità l’enzima lattasi che è in grado di scindere questo zucchero nelle sue due componenti e permetterne la digestione.

Il latte non fa male. Ecco proprietà, benefici e controindicazioni

Il latte, da molti, è considerato un alimento nocivo per la salute dell’uomo. Una delle principali motivazioni è il suo elevato contenuto di acidi grassi saturi. In realtà in questo alimento i principali acidi grassi saturi presenti sono quelli a catena corta che, come diversi studi hanno dimostrato, hanno effetti benefici sulla salute.

Inoltre il latte contiene alcuni composti simili all’acido linoleico (CLA) che sono naturalmente anticancerogeni, modulano l’infiammazione, migliorano la mineralizzazione ossea e migliorano il metabolismo dei grassi nell’organismo.

Come detto precedentemente il consumo di latte può essere un problema per chi soffre di intolleranza al lattosio, in cui la non digestione dello zucchero provoca una fermentazione soprattutto nel colon causando gas, gonfiore e in alcuni casi diarrea. In questo caso non si tratta di allergia quindi non è necessario evitare del tutto il consumo di latte e i latticini, ma bisogna fare attenzione ad evitare gli eccessi, in base alla propria tollerabilità.

Diversa questione è, invece, per chi soffre di allergia alle proteine del latte; in questo caso è necessario evitare del tutto il consumo di questi prodotti al fine di evitare reazioni allergiche, in alcuni casi anche molto gravi.

Tutto ciò che è stato detto finora si riferisce però ad un latte sano, che purtroppo è difficile trovare in commercio poiché la maggior parte dei prodotti sono ricchi di inquinanti chimico-farmaceutici come anti-infiammatori, ormoni, farmaci (soprattutto antibiotici). Quindi è necessario scegliere prodotti che provengano da aziende che cercano di evitare l’utilizzo di queste sostanze.

Latte quantità consigliata

In conclusione il latte se scelto con saggezza è un alimento sano e ricco di nutrienti benefici per la salute. Tuttavia deve essere consumato con moderazione massimo 1 o 2 porzioni (150ml circa) al giorno. Inoltre va tuttavia ricordato che non è necessario bere latte o consumare suoi derivati per essere in buona salute.

 

 

Condividi con: