“Ho il metabolismo lento!”

Quante volte avete pronunciato questa frase? Io in studio l’ho sentita moltissime volte!

Non ci sono persone che soffrono di “metabolismo lento”, ma ci sono alcuni errori che possono rallentare il metabolismo! Vediamo quali sono.

Leggi anche: come accelerare il metabolismo?


Fare 1-2 pasti al giorno

Mangiare solo a pranzo o solo a cena significa concentrare tutte le calorie (e quindi l’energia) in uno o due pasti. L’organismo risponderà abbassando il metabolismo per affrontare la carenza negli altri momenti della giornata. Meglio inserire anche due spuntini tra un pasto principale e l’altro.

Saltare la colazione

La colazione è il pasto più importante della giornata e permette all’organismo di “rimettersi in moto” dopo il digiuno notturno.

Leggi i nostri appunti su:

Seguire diete restrittive

Introdurre poche calorie nella giornata non è la giusta soluzione se il nostro obiettivo è un dimagrimento duraturo. La restrizione calorica abbassa il metabolismo è può portare anche all’effetto contrario: appena si ricomincia a mangiare normalmente si rischia di mettere di nuovo su massa grassa.
Il segreto per non abbassare il metabolismo è continuare a consumare tutti gli alimenti nelle giuste quantità seguendo gli abbinamenti corretti tra i cibi.

Consumare cene abbondanti

Anche coricarsi subito dopo la cena non aiuta al metabolismo. Mantenere una posizione dritta facilita la digestione e quindi lo smaltimento di parte dell’energia prima del riposo notturno che favorisce un abbassamento dei consumi.

Bere poca acqua

Il corretto apporto di acqua (1,5-2 l al giorno) permette l’adeguato funzionamento di tutto l’organismo, comprese le funzioni metaboliche.



Vivere una vita sedentaria e poco attiva

È risaputo che l’attività fisica aumenta il metabolismo per cui una persona che svolge un lavoro sedentario e conduce una vita poco attiva avrà un metabolismo più lento rispetto a coloro che costantemente svolgono attività fisica.
Fare attività fisica può essere molto semplice: andare al lavoro, se possibile, in bici o a piedi e preferire le scale all’ascensore.

Condividi con: