Il vegetarianismo può essere distinto in ovo-latto-vegetarianismo, latto-vegetarianismo, l’ovo-vegetarianismo, veganismo, crudismo vegano, il fruttarismo. L’ovo-latto-vegetarianismo ammette i prodotti animali indiretti, ovvero latte (e derivati) e uova; il latto-vegetarianismo e l’ovo-vegetarianismo sono simili all’ovo-latto-vegetarianismo, ma escludono il primo le uova e il secondo il latte (e derivati).

A seconda della variante di vegetarianismo che decidiamo di abbracciare, vediamo come poter formulare una buona prima colazione vegetariana, che sia sana, nutriente ed equilibrata.

Colazione vegetariana, sana nutriente ed equilibrata

Gli alimenti base per la prima colazione vegetariana sono:

  • Latte di mucca oppure latte vegetale: il latte di soia, come quello di mucca, fornisce un buon apporto di proteine. Altri tipi di latte vegetali che possiamo alternare sono il latte di mandorle, il latte di riso, il latte di avena, ecc.
    Alcuni sono semplici e veloci da fare anche in casa, anche se non si dispone di un estrattore. Al latte si può alternare uno yogurt fresco, soprattutto d’estate. Anche questo, di origine animale o vegetale, a seconda della nostra preferenza.
    Per chi opta per il latte di soia, consiglio di consumare quello fortificato con B12 e calcio, più completo dal punto di vista nutrizionale.
  • La frutta secca può rappresentare un’alternativa o un’integrazione nutriente e discretamente proteica da inserire nella colazione: magari dei cereali, uniti a delle mandorle/noci/nocciole fatte a pezzi, possono arricchire la tazza di latte o il vasetto di yogurt.

  • cereali: meglio se sono integrali perché sono più sani e più proteici rispetto a quelli raffinati. Occhio che siano davvero integrali!
    Spesso soprattutto i prodotti industriali spacciano per integrali prodotti fatti da farina bianca con crusca aggiunta. Impariamo a leggere le etichette nutrizionali: dobbiamo leggere tra gli ingredienti una buona percentuale di farina integrale.
  • Biscotti: ci sono aziende che producono ottimi biscotti, bisogna solo avere la buona volontà di leggere gli ingredienti, anziché fidarci di quello che ci fanno pensare le pubblicità.
    Per i vegetariani che escludono uova e/o latte ci sono le alternative che escludono questi ingredienti. I biscotti sono il grande classico italiano da associare alla tazza di latte, adatto a chi fa colazione in fretta.
  • Fette biscottate: anche queste possiamo consumarle integrali e possiamo accompagnarle con un velo di marmellata (possibilmente quella fatta in casa, o biologica) o, perché no, da una spalmata di crema di nocciole (per i più golosi!) fatta in casa. Per la ricetta è previsto il latte per cui possiamo utilizzare il latte di mucca oppure quello di soia, a piacere e secondo quanto è previsto dalla nostra dieta.
  • Della frutta fresca, da tagliare a pezzi e immergere in un buon yogurt.

Come decidiamo di associare gli alimenti, va più o meno sempre bene, trattandosi di alimenti sani e nutrienti che rendono la prima colazione ideale per affrontare un’intera giornata. L’importante è non saltare mai questo pasto, il più importante della giornata!

 

Condividi con: